Giovedì, 29 Settembre 2022

Fa annullare un suo gol: premio Fair Play per Mirco Izzi, 2012 del Borgaro

SUPEROSCAR - Premiato il gesto di sportività del giovane calciatore. “Determinante porre in giusto risalto coloro che sanno veicolare i veri valori sociali e morali dello sport, come la correttezza, l’educazione e il rispetto” commenta il presidente regionale LNF Mauro Foschia


Un salto indietro al SuperOscar. Nella cerimonia di domenica scorsa, per la prima volta è stato assegnato il premio Fair Play, voluto direttamente dal presidente regionale LND Mauro Foschia per dare il giusto risalto a comportamenti di correttezza e lealtà sportiva. A vincerlo è stato un giovane Mirco Izzi, in forza ai Pulcini 2012 del Borgaro, che ha fatto annullare un suo gol in quanto “viziato” da un fallo precedentemente commesso su un avversario.

“In campo con la sua squadra contro il Lascaris - si legge sulla pagina Facebook della società -, siamo sullo 0-0 un suo tiro si insacca, l’arbitro convalida e palla al centro. Izzi non esulta si avvicina all’arbitro e spiega che la sua rete è viziata da un suo precedente fallo ai danni del diretto avversario. Rete annullata e si riprende con un calcio di punizione per il Lascaris. Il comportamento del piccolo “grande” Izzi non può passare inosservato e il comitato organizzatore del torneo SuperOscar ha segnalato alla Federazione il gesto di lealtà sportiva”.

“È sicuramente importante dedicare attenzione alla componente prettamente agonistica di una competizione al fine di elevare il livello del nostro calcio giovanile - ha commentato Foschia - ma è altrettanto determinante porre in giusto risalto coloro che sanno veicolare i veri valori sociali e morali dello sport, come la correttezza, l’educazione e il rispetto, che spesso il calcio dimentica per lasciare soltanto spazio al mero valore del risultato della vittoria. Personalmente continuerò a diffondere questi principi sensibilizzando tutte le società affinché inseriscano nelle premiazioni dei loro tornei questi particolari riconoscimenti”.

Registrati o fai l'accesso e commenta