1,2,3... Pozzo domina il Vanchiglia!

Articoli partite

Articolo: 9.8 - 2 Voti

1,2,3... Pozzo domina il Vanchiglia!

1,2,3... Pozzo domina il Vanchiglia!

Torino, 25/11/2017   Nell’impianto di via Monte Ortigara a Torino, dove è di casa il Pozzomaina, è in programma l’incontro tra due squadre dal rendimento simile: entrambe arrivano a questa sfida dopo aver segnato sette reti nell’incontro precedente, entrambe a 6 punti, entrambe vittoriose nell’ultima uscita di campionato. I padroni di casa confermano in partenza la formazione che aveva chiuso la partita della scorsa settimana, con Sanzarello in porta, la linea difensiva composta da Barrilà, Messina, Verrone, a centrocampo Ummarino e Gaeta, capitano di giornata, e in avanti Zaetta. Gli ospiti rispondono con Schiavone, in porta, Haichoum, Rosu, in difesa e Raimondo, Lacerenza Matrone a centrocampo e  Eboli come punta.   Le prime fasi di gioco sono di studio: il  Pozzomaina tiene in mano il pallino del gioco, ma non trova la via per impensierire la retroguardia del Vanchiglia, mentre gli ospiti tengono bene il campo, riuscendo a  fermare le iniziative sugli esterni, anche grazie ad una superiorità numerica a centrocampo. Bisogna quindi attendere la metà del tempo per il primo tiro in porta, con un’azione che vede il Pozzomaina a calciare a rete, ma il numero 1 del Vanchiglia è attento e blocca. I padroni di casa, da questo momento diventano assoluti protagonisti del tempo.  La linea difensiva si alza, bloccando sul nascere ogni tentativo di ripartenza avversaria, il centrocampo riesce sempre ad essere efficace nel pressing e le occasioni fioccano. Un tiro di Ummarino dalla media distanza viene neutralizzato prima dal portiere poi dalla traversa. Poco dopo è Zaetta a colpire un legno da buona posizione.  Un primo tempo perfetto del Pozzomaina, a cui manca solo il goal e la frazione di gioco si chiude con lo 0 a 0 iniziale.   {loadposition ads-articolo}   Nel secondo tempo cambiano alcuni interpreti nel Vanchiglia che schiera quindi: Schiavone in porta, Gulia Haichoum in difesa e Borra, Casilli, Bondor dietro la punta Raimondo. Il Pozzomaina schiera invece: Carnesecca in porta, Lipari, Messina, Barufe in difesa,  Gaeta e Ummarino a centrocampo dietro a Bologna che agisce come punta. Cambiano gli interpreti, dicevamo, ma il copione rimane identico. Sono quindi i grigi a impossessarsi delle redini della partita,  dimostrando un’ ottima organizzazione di gioco. Sono diverse le azioni che li vedono in avanti e il Vanchiglia non riesce mai a ripartire in modo efficace., la pressione dei padroni di casa è costante. Passano pochi minuti e il Pozzo è pericoloso già un paio di volte: sono Gaeta prima e Ummarino, poi, a lanciare Bologna a rete,  e in una di queste occasioni Bologna viene contrastato in modo falloso.  Il 10 dei padroni di casa forse sperava di bissare la rete su punizione della scorsa settimana, ma questa volta la palla sorvola la traversa.  Il goal, però, è nell’aria e al quinto minuto la partita si sblocca. Gaeta, lanciato in area da Ummarino, viene contrastato e atterrato da due difensori del Vanchiglia, e il rigore è ineccepibile.  E’ lo specialista dei piazzati del Pozzomaina, Ummarino, a posizionare la palla sul dischetto e a realizzare la rete del vantaggio. I padroni di casa non si accontentano e continuano a giocare con la stessa intensità di prima e sono diverse le azioni corali che vedono coinvolte tutte le linee del Pozzomaina. Il fraseggio è rapido, preciso alla ricerca degli spazi per andare a rete. Schiavone   è costretto agli straordinari per tenere in partita i suoi. Al settimo Bologna si guadagna un calcio d’angolo. E’ Ummarino a battere il corner dal lato sinistro di Schiavone. Il corner è preciso sul primo palo, e Gaeta, ben posizionato, con una bella torsione insacca di testa all’angolo opposto, 2 a 0. Il Pozzo continua  premere sull’acceleratore, e inevitabilmente si scopre.  Un pallone rilanciato dalla difesa del Vanchiglia arriva sui piedi di Lacerenza, che superati un paio di difensori lascia partire un diagonale che supera il numero 1 del Pozzomaina, Carnesecca, ma non l’accorrente Ummarino, che quasi sulla linea riesce a salvare, scaricando su Verrone, che dalla sua area, con un coast to coast riesce a ribaltare l’azione, superando un paio di avversari in dribbling, scaricando poi su Bologna, che si vede ribattere la conclusione dal portiere del Vanchiglia. Finisce così, sul 2 a 0 la seconda frazione di gioco.   Il terzo tempo vede il Pozzomaina schierare ancora Carnesecca in porta, Barrilà Messina e Verrone in difesa,  Gaeta e Zaetta a centrocampo e Bologna in avanti, mentre gli ospiti schierano i sette che hanno iniziato la prima frazione di gioco. Gli equilibri non si spostano, il Pozzomaina controlla, e se non riesce a bloccare le ripartenze dalla difesa degli avversari sono gli ottimi Verrone e Messina a impedire al Vanchiglia di arrivare in porta, lasciando praticamente inoperoso il proprio portiere. La squadra di casa riesce sempre ad essere pericolosa, e i cambi di metà tempo non mutano la situazione. Il Pozzomaina è ben messo in campo, opera un buon pressing e riesce spesso a riconquistare palla nella trequarti avversaria. Proprio una palla riconquistata in pressing da Zaetta, su un pasticcio difensivo avversario, diventa un tiro che si insacca alle spalle di Schiavone. E’ la rete che chiude l’incontro. Il Pozzomaina chiude in attacco anche la terza frazione, ma il parziale del tempo rimane 1 a 0 per i grigi L’organizzazione del Pozzomaina ha consentito al collettivo di esaltare le qualità dei singoli, soprattutto Ummarino e Gaeta.I padroni di casa hanno sempre dato l’impressione di sapere cosa fare con la palla tra i piedi, orchestrando belle azioni che hanno coinvolto tutti i reparti con una fitta rete di passaggi e hanno meritato la vittoria, anche grazie alla loro capacità di sfruttare le palle inattive. Gli ospiti si sono fatti sorprendere dalla capacità degli avversari di inserirsi e coprire gli spazi, e spesso sono dovuti ricorrere al contatto fisico per limitare i danni. Particolarmente degne di nota le prestazioni di Schiavone e l’azione pregevole di Lacerenza.     M.M.(Pozzomaina)                    Pozzomaina vs Vanchiglia 1915: 3-0 (I T.: 0-0) (II T.: 2-0) (III T.: 1-0)   MARCATORI: st.: Ummarino (P), Gaeta (P) - tt.: Zaetta (P)   FORMAZIONE Pozzomaina: 1 Carnesecca, 2 Barrilà, 4 Lipari 5 Messina, 6 Barufè, 7 Verrone, 8 Gaeta, 9 Zaetta, 10 Ummarino, 11 Bologna, 12 Sanzarello Allenatore: Carnesecca   FORMAZIONE Vanchiglia 1915: 1 Schiavone,  2 Borra,    3 Gulia.  4 Rosu, 5 Haichoum, 6 Bondor, 7 Raimondo, 8 Casilli, 9 Lacerenza, 10 Matrone, 11 Eboli Allenatore: Paolucci  
Torino, 25/11/2017   Nell’impianto di via Monte Ortigara a Torino, dove è di casa il Pozzomaina, è in programma l’incontro tra due squadre dal rendimento simile: entrambe arrivano a questa sfida dopo aver segnato sette reti nell’incontro precedente, entrambe a 6 punti, entrambe vittoriose nell’ultima uscita di campionato. I padroni di casa confermano in partenza la formazione che aveva chiuso la partita della scorsa settimana, con Sanzarello in porta, la linea difensiva composta da Barrilà, Messina, Verrone, a centrocampo Ummarino e Gaeta, capitano di giornata, e in avanti Zaetta. Gli ospiti rispondono con Schiavone, in porta, Haichoum, Rosu, in difesa e Raimondo, Lacerenza Matrone a centrocampo e  Eboli come punta.   Le prime fasi di gioco sono di studio: il  Pozzomaina tiene in mano il pallino del gioco, ma non trova la via per impensierire la retroguardia del Vanchiglia, mentre gli ospiti tengono bene il campo, riuscendo a  fermare le iniziative sugli esterni, anche grazie ad una superiorità numerica a centrocampo. Bisogna quindi attendere la metà del tempo per il primo tiro in porta, con un’azione che vede il Pozzomaina a calciare a rete, ma il numero 1 del Vanchiglia è attento e blocca. I padroni di casa, da questo momento diventano assoluti protagonisti del tempo.  La linea difensiva si alza, bloccando sul nascere ogni tentativo di ripartenza avversaria, il centrocampo riesce sempre ad essere efficace nel pressing e le occasioni fioccano. Un tiro di Ummarino dalla media distanza viene neutralizzato prima dal portiere poi dalla traversa. Poco dopo è Zaetta a colpire un legno da buona posizione.  Un primo tempo perfetto del Pozzomaina, a cui manca solo il goal e la frazione di gioco si chiude con lo 0 a 0 iniziale.   {loadposition ads-articolo}   Nel secondo tempo cambiano alcuni interpreti nel Vanchiglia che schiera quindi: Schiavone in porta, Gulia Haichoum in difesa e Borra, Casilli, Bondor dietro la punta Raimondo. Il Pozzomaina schiera invece: Carnesecca in porta, Lipari, Messina, Barufe in difesa,  Gaeta e Ummarino a centrocampo dietro a Bologna che agisce come punta. Cambiano gli interpreti, dicevamo, ma il copione rimane identico. Sono quindi i grigi a impossessarsi delle redini della partita,  dimostrando un’ ottima organizzazione di gioco. Sono diverse le azioni che li vedono in avanti e il Vanchiglia non riesce mai a ripartire in modo efficace., la pressione dei padroni di casa è costante. Passano pochi minuti e il Pozzo è pericoloso già un paio di volte: sono Gaeta prima e Ummarino, poi, a lanciare Bologna a rete,  e in una di queste occasioni Bologna viene contrastato in modo falloso.  Il 10 dei padroni di casa forse sperava di bissare la rete su punizione della scorsa settimana, ma questa volta la palla sorvola la traversa.  Il goal, però, è nell’aria e al quinto minuto la partita si sblocca. Gaeta, lanciato in area da Ummarino, viene contrastato e atterrato da due difensori del Vanchiglia, e il rigore è ineccepibile.  E’ lo specialista dei piazzati del Pozzomaina, Ummarino, a posizionare la palla sul dischetto e a realizzare la rete del vantaggio. I padroni di casa non si accontentano e continuano a giocare con la stessa intensità di prima e sono diverse le azioni corali che vedono coinvolte tutte le linee del Pozzomaina. Il fraseggio è rapido, preciso alla ricerca degli spazi per andare a rete. Schiavone   è costretto agli straordinari per tenere in partita i suoi. Al settimo Bologna si guadagna un calcio d’angolo. E’ Ummarino a battere il corner dal lato sinistro di Schiavone. Il corner è preciso sul primo palo, e Gaeta, ben posizionato, con una bella torsione insacca di testa all’angolo opposto, 2 a 0. Il Pozzo continua  premere sull’acceleratore, e inevitabilmente si scopre.  Un pallone rilanciato dalla difesa del Vanchiglia arriva sui piedi di Lacerenza, che superati un paio di difensori lascia partire un diagonale che supera il numero 1 del Pozzomaina, Carnesecca, ma non l’accorrente Ummarino, che quasi sulla linea riesce a salvare, scaricando su Verrone, che dalla sua area, con un coast to coast riesce a ribaltare l’azione, superando un paio di avversari in dribbling, scaricando poi su Bologna, che si vede ribattere la conclusione dal portiere del Vanchiglia. Finisce così, sul 2 a 0 la seconda frazione di gioco.   Il terzo tempo vede il Pozzomaina schierare ancora Carnesecca in porta, Barrilà Messina e Verrone in difesa,  Gaeta e Zaetta a centrocampo e Bologna in avanti, mentre gli ospiti schierano i sette che hanno iniziato la prima frazione di gioco. Gli equilibri non si spostano, il Pozzomaina controlla, e se non riesce a bloccare le ripartenze dalla difesa degli avversari sono gli ottimi Verrone e Messina a impedire al Vanchiglia di arrivare in porta, lasciando praticamente inoperoso il proprio portiere. La squadra di casa riesce sempre ad essere pericolosa, e i cambi di metà tempo non mutano la situazione. Il Pozzomaina è ben messo in campo, opera un buon pressing e riesce spesso a riconquistare palla nella trequarti avversaria. Proprio una palla riconquistata in pressing da Zaetta, su un pasticcio difensivo avversario, diventa un tiro che si insacca alle spalle di Schiavone. E’ la rete che chiude l’incontro. Il Pozzomaina chiude in attacco anche la terza frazione, ma il parziale del tempo rimane 1 a 0 per i grigi L’organizzazione del Pozzomaina ha consentito al collettivo di esaltare le qualità dei singoli, soprattutto Ummarino e Gaeta.I padroni di casa hanno sempre dato l’impressione di sapere cosa fare con la palla tra i piedi, orchestrando belle azioni che hanno coinvolto tutti i reparti con una fitta rete di passaggi e hanno meritato la vittoria, anche grazie alla loro capacità di sfruttare le palle inattive. Gli ospiti si sono fatti sorprendere dalla capacità degli avversari di inserirsi e coprire gli spazi, e spesso sono dovuti ricorrere al contatto fisico per limitare i danni. Particolarmente degne di nota le prestazioni di Schiavone e l’azione pregevole di Lacerenza.     M.M.(Pozzomaina)                    Pozzomaina vs Vanchiglia 1915: 3-0 (I T.: 0-0) (II T.: 2-0) (III T.: 1-0)   MARCATORI: st.: Ummarino (P), Gaeta (P) - tt.: Zaetta (P)   FORMAZIONE Pozzomaina: 1 Carnesecca, 2 Barrilà, 4 Lipari 5 Messina, 6 Barufè, 7 Verrone, 8 Gaeta, 9 Zaetta, 10 Ummarino, 11 Bologna, 12 Sanzarello Allenatore: Carnesecca   FORMAZIONE Vanchiglia 1915: 1 Schiavone,  2 Borra,    3 Gulia.  4 Rosu, 5 Haichoum, 6 Bondor, 7 Raimondo, 8 Casilli, 9 Lacerenza, 10 Matrone, 11 Eboli Allenatore: Paolucci  
98 out of 100 with 2 ratings
La squadra del Pozzomaina, gruppo C La squadra del Pozzomaina, gruppo C

Torino, 25/11/2017

 

Nell’impianto di via Monte Ortigara a Torino, dove è di casa il Pozzomaina, è in programma l’incontro tra due squadre dal rendimento simile: entrambe arrivano a questa sfida dopo aver segnato sette reti nell’incontro precedente, entrambe a 6 punti, entrambe vittoriose nell’ultima uscita di campionato.

I padroni di casa confermano in partenza la formazione che aveva chiuso la partita della scorsa settimana, con Sanzarello in porta, la linea difensiva composta da Barrilà, Messina, Verrone, a centrocampo Ummarino e Gaeta, capitano di giornata, e in avanti Zaetta. Gli ospiti rispondono con Schiavone, in porta, Haichoum, Rosu, in difesa e Raimondo, Lacerenza Matrone a centrocampo e  Eboli come punta.

 

Le prime fasi di gioco sono di studio: il  Pozzomaina tiene in mano il pallino del gioco, ma non trova la via per impensierire la retroguardia del Vanchiglia, mentre gli ospiti tengono bene il campo, riuscendo a  fermare le iniziative sugli esterni, anche grazie ad una superiorità numerica a centrocampo. Bisogna quindi attendere la metà del tempo per il primo tiro in porta, con un’azione che vede il Pozzomaina a calciare a rete, ma il numero 1 del Vanchiglia è attento e blocca.

I padroni di casa, da questo momento diventano assoluti protagonisti del tempo.  La linea difensiva si alza, bloccando sul nascere ogni tentativo di ripartenza avversaria, il centrocampo riesce sempre ad essere efficace nel pressing e le occasioni fioccano. Un tiro di Ummarino dalla media distanza viene neutralizzato prima dal portiere poi dalla traversa. Poco dopo è Zaetta a colpire un legno da buona posizione.  Un primo tempo perfetto del Pozzomaina, a cui manca solo il goal e la frazione di gioco si chiude con lo 0 a 0 iniziale.

 

 

Nel secondo tempo cambiano alcuni interpreti nel Vanchiglia che schiera quindi: Schiavone in porta, Gulia Haichoum in difesa e Borra, Casilli, Bondor dietro la punta Raimondo. Il Pozzomaina schiera invece: Carnesecca in porta, Lipari, Messina, Barufe in difesa,  Gaeta e Ummarino a centrocampo dietro a Bologna che agisce come punta.

Cambiano gli interpreti, dicevamo, ma il copione rimane identico. Sono quindi i grigi a impossessarsi delle redini della partita,  dimostrando un’ ottima organizzazione di gioco. Sono diverse le azioni che li vedono in avanti e il Vanchiglia non riesce mai a ripartire in modo efficace., la pressione dei padroni di casa è costante. Passano pochi minuti e il Pozzo è pericoloso già un paio di volte: sono Gaeta prima e Ummarino, poi, a lanciare Bologna a rete,  e in una di queste occasioni Bologna viene contrastato in modo falloso.  Il 10 dei padroni di casa forse sperava di bissare la rete su punizione della scorsa settimana, ma questa volta la palla sorvola la traversa.  Il goal, però, è nell’aria e al quinto minuto la partita si sblocca. Gaeta, lanciato in area da Ummarino, viene contrastato e atterrato da due difensori del Vanchiglia, e il rigore è ineccepibile.  E’ lo specialista dei piazzati del Pozzomaina, Ummarino, a posizionare la palla sul dischetto e a realizzare la rete del vantaggio.

I padroni di casa non si accontentano e continuano a giocare con la stessa intensità di prima e sono diverse le azioni corali che vedono coinvolte tutte le linee del Pozzomaina. Il fraseggio è rapido, preciso alla ricerca degli spazi per andare a rete. Schiavone   è costretto agli straordinari per tenere in partita i suoi. Al settimo Bologna si guadagna un calcio d’angolo. E’ Ummarino a battere il corner dal lato sinistro di Schiavone. Il corner è preciso sul primo palo, e Gaeta, ben posizionato, con una bella torsione insacca di testa all’angolo opposto, 2 a 0.

Il Pozzo continua  premere sull’acceleratore, e inevitabilmente si scopre.  Un pallone rilanciato dalla difesa del Vanchiglia arriva sui piedi di Lacerenza, che superati un paio di difensori lascia partire un diagonale che supera il numero 1 del Pozzomaina, Carnesecca, ma non l’accorrente Ummarino, che quasi sulla linea riesce a salvare, scaricando su Verrone, che dalla sua area, con un coast to coast riesce a ribaltare l’azione, superando un paio di avversari in dribbling, scaricando poi su Bologna, che si vede ribattere la conclusione dal portiere del Vanchiglia.

Finisce così, sul 2 a 0 la seconda frazione di gioco.

 

Il terzo tempo vede il Pozzomaina schierare ancora Carnesecca in porta, Barrilà Messina e Verrone in difesa,  Gaeta e Zaetta a centrocampo e Bologna in avanti, mentre gli ospiti schierano i sette che hanno iniziato la prima frazione di gioco.

Gli equilibri non si spostano, il Pozzomaina controlla, e se non riesce a bloccare le ripartenze dalla difesa degli avversari sono gli ottimi Verrone e Messina a impedire al Vanchiglia di arrivare in porta, lasciando praticamente inoperoso il proprio portiere.

La squadra di casa riesce sempre ad essere pericolosa, e i cambi di metà tempo non mutano la situazione. Il Pozzomaina è ben messo in campo, opera un buon pressing e riesce spesso a riconquistare palla nella trequarti avversaria. Proprio una palla riconquistata in pressing da Zaetta, su un pasticcio difensivo avversario, diventa un tiro che si insacca alle spalle di Schiavone. E’ la rete che chiude l’incontro.

Il Pozzomaina chiude in attacco anche la terza frazione, ma il parziale del tempo rimane 1 a 0 per i grigi

L’organizzazione del Pozzomaina ha consentito al collettivo di esaltare le qualità dei singoli, soprattutto Ummarino e Gaeta.I padroni di casa hanno sempre dato l’impressione di sapere cosa fare con la palla tra i piedi, orchestrando belle azioni che hanno coinvolto tutti i reparti con una fitta rete di passaggi e hanno meritato la vittoria, anche grazie alla loro capacità di sfruttare le palle inattive.

Gli ospiti si sono fatti sorprendere dalla capacità degli avversari di inserirsi e coprire gli spazi, e spesso sono dovuti ricorrere al contatto fisico per limitare i danni. Particolarmente degne di nota le prestazioni di Schiavone e l’azione pregevole di Lacerenza.

 

 

M.M.(Pozzomaina)                 

 

Pozzomaina vs Vanchiglia 1915: 3-0 (I T.: 0-0) (II T.: 2-0) (III T.: 1-0)

 

MARCATORI: st.: Ummarino (P), Gaeta (P) - tt.: Zaetta (P)

 

FORMAZIONE Pozzomaina: 1 Carnesecca, 2 Barrilà, 4 Lipari 5 Messina, 6 Barufè, 7 Verrone, 8 Gaeta, 9 Zaetta, 10 Ummarino, 11 Bologna, 12 Sanzarello

Allenatore: Carnesecca

 

FORMAZIONE Vanchiglia 1915: 1 Schiavone,  2 Borra,    3 Gulia.  4 Rosu, 5 Haichoum, 6 Bondor, 7 Raimondo, 8 Casilli, 9 Lacerenza, 10 Matrone, 11 Eboli

Allenatore: Paolucci

 

Registrati o fai l'accesso e commenta